Single Blog Title

This is a single blog caption

Meno male che c’è il terzo tempo

I ringraziamenti per l’incredibile pubblico sono ciò da cui è necessario partire, poichè, ancora una volta, ha sostenuto la squadra sino alla fine di una partita veramente difficile.

Una sconfitta che lascia poco all’immaginazione con un punteggio pesantissimo che sancisce la grande differenza con i bravissimi Etruschi. Infatti, si sono dimostrati ancora più forti rispetto all’andata, in grado di preparare meglio l’incontro e di esprimere talenti di categoria superiore.
L’incontro è iniziato con il piede giusto, grazie ad un errore degli ospiti che ha concesso una buona posizione di partenza per l’attacco isolano che, non riuscendo a varcare la linea di meta, ha messo a segno i primi e unici punti di giornata con un calcio. Da quel momento in poi il dominio etrusco è stato perentorio rendendo vano qualsiasi tentativo offensivo ed esprimendo un gioco, in pratica, sempre impeccabile e inarrestabile.

Il risultato amaro potrebbe farle passare inosservate, ma ci son state varie cose positive in casa Sirbons. Il lavoro di queste settimane ha pagato poiché ha ridotto molti degli errori commessi nei precedenti incontri.

Si sarebbe potuto lavorare meglio in allenamento ciò non toglie, però, che sia necessario partire da queste cose buone, in vista dei prossimi incontri, per dimostrare il grande spirito avuto in questa sconfitta.Gli atleti, infatti, non si son dati mai per vinti impegnandosi contro un avversario, attualmente, insormontabile.

Il lavoro di queste due settimane sarà fondamentale in vista del prossimo incontro in casa dei White Tigers, ansiosi di riscattare la sconfitta rimediata in Sardegna a Febbraio.
Nonostante il risultato amaro, uno splendido terzo tempo ha addolcito la giornata sportivamente poco fortunata. Nonne, mamme, mogli e fidanzate hanno coccolato entrambe le squadre, in un momento di unione e festa sportiva immancabile in casa Sirbons.